Kiva – un modo laico per essere cristiani

Presupponiamo che il sito Kivaitalia (amici di kiva) esista perche’ i visitatori sono in percentuale poco conoscitori della lingua Inglese ed il sito Kiva rimanga quindi un po’ difficile da leggere o non comunichi a sufficienza agli italiani il senso delle sfumature ‘americane’. Presupponiamo poi, che i visitatori italiani -tramite il sito italiano – desiderano essere rassicurati dal messaggio ‘straniero’ e quindi lo stesso rimanga  in linea con il loro pensiero e con la loro cultura italiana. Presupponiamo che tale concetto di rassicurazione lo iniziano a percepire dal fatto che il sito sia scritto nella loro lingua ma presupponiamo anche di voler capire che i visitatori ricevano  la sensazione che la questione Kiva ed il suo messaggio sia poi lasciata un po’ in sospeso e non sia coivolgente in maniera ‘ampia’. Conclusione: Potremmo dare e fare di piu’ noi del Team Italia?
Sono dell’avviso che il cammino che possiamo percorrere in Italia e’ possibile ampliarlo, convogliando il sistema Kiva in un concetto parallelo di noi Italiani abituati ed inclini ad essere vicini ai bisogni degli indigenti o delle figure che stanno emergendo dalla poverta’.
Sono quindi dell’avviso di impostare la crescite del sito non solo come copia del sito Kiva ma sono dell’avviso di far passare un messaggio di unita’ dei valori da raggiungere, di sensibilita’ laica di affrontare il problema direttamente alla radice, di amore per gli obiettivi da raggiungere e gia’ raggiunti.
E quindi sentirci tramite il presente sito e tramite facebook e’ un altro modo per scambiare opinioni ed esperienze oppure incontrarci a qualche convention o raduno puo’ essere l’occasione per gettare le basi – non solo di contribuire a Kiva – ma di contribuire ad altre opportunita’ ( raggiungere obbiettivi concreti quali quelli raggiunti da Kiva). Quali sono altri obbiettivi? Ma ad esempio studiare insieme al nostro Captain Vincenzo come poter indirizzare prestiti da persone che non hanno Internet. Oppure abbinare altri tipi di raccolte quali quelle di Mountain Bikes da spedire in Africa organizzato da Pat Montani, italocanadese che spedisce le MTB in Namibia (www.bicycles-for-humanity.org).

Questa voce è stata pubblicata in Idee. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...